Matina

MATINA

Nuje ce fissammo a cosere ‘e parole

comme si ‘a vita fosse nu tiatro

e nun sapimme chello ca ce serve

pe campà juste e bona na jurnata.

 

Na voce abbasta p’arapì ‘o sipario

n’antica villanella c’accummencia

cu Iesce Sole e ‘a notte già scumpare

â fine è sempe Napule ca vence.

 

E i’ canto p’ ‘o gulio ‘e stà scetato,

pe sta felicità quanta pazzie

pe vivere sta vita appassionata

cercanno verità fatte ‘e buscie.

 

‘A luce ‘a dint’ê buche d’ ‘a perziana

liggera serpentea pe copp’ ô lietto

e cu nu raggio ‘e sole mmiez’â mano

 

pazzeo, l’astregno e ‘o sole fa ‘e dispiette.

 

Chisto è ‘o mumento maggico d’ ‘a vita,

quanno t’abbaglie ‘o sole e tu nun siente

‘e vvoce ‘e tutte ‘e stelle ‘e chiù luntane

ca te fanno sentì na cosa ‘e niente.

Commenti chiusi