P I E N Z E

Copertina 4 x Napoli

P I E N Z E


Abbie a penzà pecché se fa l’ammore.

L’ammore! Ma che vò significà?

Pecché primma se nasce e po se more

e po se nasce ancora pe murì?


Abbie a penzà si ‘o sole sta sultanto

pe schiarà juorno o pe scarfà sta terra,

si tu nun sì nisciuno o sì mpurtante,

si è meglio ‘a pace o forse è meglio ‘a guerra.


Abbie a penzà comm’è ca l’erba cresce

ncopp’a na terra morta e avvelenata?

Comm’è ca s’accummencia e se fernesce

e s’accummencia ancora pe fernì?


Abbie a penzà che sì dint’a sta rota

c’afforza nuje vulessemo fermà?

Pecché te fa paura ‘o terramoto

e nun te fa paura ‘a verità?


Pienzece, e forse abbie a capì quaccosa.

Pienze, ca si ce pienze nu mumento

può darse ca sta vita  è ‘n ata cosa

e ca se pò murì pure cuntento.

 

Commenti chiusi