Barocco

Preghiera degli afflitti

Mater lacrimarum —

Canto corale penitentis

Mater dolorum

Veglianti piancenti

Mater sospirorum

 

Marunnelle fatte ‘e cera

Vute ârgiento appis’’e mmane

Sta passanno ‘a prucessione

pe l’infanta ‘e sta città

Tump tump segno ‘o passo

Nu tamburo m’accumpagna

Dint’’o scuro d’’a nuttata

lesta lesta addà passà.

Luna luna ca t’affaccie

curiosa vuò sapé

 

quanta femmene sò pprene

quanta vergine hê vedé.

Pure vuje ca jate â scola

munacielle c’’o cappuccio

a cchest’ora mmiez’’a via

rint’’o scuro ‘e sta città.

Marunnella fatta ‘e cera

Ncopp’ô trono ‘e cartapesta

ca si ‘o sole nun t’appiccia

è pecché nu vò schiarà.

 

Commenti chiusi