‘O CANTO D”E TRE’ MAMME

Pubblicato il 12 apr 2014

Dal mito cosmogonico, la Teogonia racconta l’origine del mondo:All’inizio, e per primo, “venne ad essere” Chaos, Spazio beante”, lo “Spazio aperto, la “Voragine”, l’abisso; seguì Gaia, Gea, Ghe, la Terra, che corrisponde sia all’entità “fisica” , più schiacciata nei lati, sia alla personificazione come “dea”, sede sicura ed eterna di tutti gli dèi che abitano l’Olimpo, Madre dai fianchi larghi. Venne poi Tartaro, la realtà tenebrosa e sotterranea, la (katachthònia); poi comparve Eros, il più bello tra gli dèi, il dio primordiale che “scioglie le membra”, e che condiziona l’esistenza dei mortali come quella degli immortali, principio generatore che non genera. Da Chaos sorgono, per condizione partenogenetica, Erebo, le Tenebre e Nyx, la Notte, e dall’unione di Nyx con Erebo nascono Etere, la Luminosità del cielo e Hemere, il Giorno. Intanto da Gaia viene generato, per partenogenesi, Urano “Cielo stellante” pari alla Terra, e sempre per partenogenesi, i monti, le Ninfe e il Ponto cioè il Mare.
E fu da questi che nacquero altre presenze che popolarono l’Olimpo, e si decisero le regole. Poi tutto fu copiato e adattato alle esigenze dei discendenti di Abramo e si ebbe il Vecchio Testamento, e poi il Nuovo, ma questa è storia recente.

‘O CANTO D”E TRE’ MAMME

Nascette ‘e qquatte ô juorno
d”e quinnece ‘e settembre
‘a festa d”a Madonna Addulurata

Mammà steva assettata
cu tutte ‘e ccummarelle
steva facenno ‘e sbreglie int’ô ciardino

a Via Alfano Primo
abbascio Caprichino
steva facendo ‘e sbreglie int’ô ciardino

steva facenno ‘e sbreglie
ch”e scorze d”e ppannocchie
e all’impruvviso avette nu dulore

patemo steva fore
mammeme suspirava
e ‘e tré cummare steveno a guardà

‘a mamma d”e suspire
‘a mamma d”e dulure
‘a mamma ‘e tutte ‘e lacreme chiagnute.

Sò tre ma sò una cosa
e stanno sempe nzieme
stanno facenno ‘e sbreglie int”o ciardino

Commenti chiusi